Essenze

Chanel “Coco Noir” profumo di tradizione – 3. Autunno in nero

Ed ecco l’ultimo tocco di nero per questo autunno. Chiudo in bellezza questo trio nero di essenze con la regina, Coco Chanel.
A mio parere, le essenze di casa Chanel sono sempre quelle di maggiore impatto per il mio senso olfattivo e, sebbene magari non siano quelle più estreme o delle quali ci si innamora con colpo di fulmine, finiscono per essere quelle di una vita, quelle che ti accompagnano sempre e che ricompri. Almeno così è per me. Insomma, con i profumi di casa Chanel ci si sposa ed è amore eterno. Il nuovo nato è Coco Noir, frutto del naso di Jacques Polge che lavora con Chanel dagli anni Settanta.
Quando Coco Chanel perse il suo amato Boy Capel a causa di un incidente d’auto, si rifugiò a Venezia in un lutto barocco e disperato che la portò poi alla rinascita tra un gusto fantastico per la luce e per l’oro.
E così nasce Coco Noir, ispirato da quel periodo nella vita della grande donna, in una bottiglia di vetro nero opaco e pesante con bordature d’oro, questo profumo è carico di tradizione con un cuore femminile di rosa e gelsomino e con note speziate di vaniglia, muschio, sandalo e patchouli.
L’impatto è quello di un profumo persistente e molto ricco, ma di stampo tradizionale e adatto soprattutto a chi non ha più vent’anni. Del resto, lo sappiamo, anche i prezzi dei profumi Chanel non sono da teenagers. In questo caso, se vi piace, preparatevi a spendere circa 90 euro per una bottiglia media.
Io temo che resterò avvinghiata ai miei più amati Chanel n.5 e Chance. Ma tant’è: amare un profumo Chanel è amore per la vita, no?

6 commenti

I commenti sono chiusi.